Giochi

Giochi da tavolo, un altro dei tunnel che percorro ormai da tempo!

In tempi recenti, grazie all’associazione ludica Tibur Play in quel di Tivoli, vicino casa, ho potuto riprendere, insieme a Francesca, l’esercizio del gioco da tavolo intelligente e divertente: negli ultimi anni, inoltre, il mercato di riferimento e la possibilità di scelta hanno avuto come un’esplosione, dando l’opportunità ad ognuno di trovare il gioco giusto per lui o lei. Certo c’è anche un sacco di roba scadente, ma questo è tutto un altro discorso.

Giocare ma non solo: il primo dei miei giochi da tavolo mi è stato regalato qualcosa come più di 30 anni or sono, quindi dopo due o tre decenni che si gioca, arriva il momento di creare! Le idee vengono scritte in un ritaglio di foglio, poi quei ritagli si moltiplicano fino a diventare un blocco, finchè qualcuno non ti dice “vabbè ma com’è sto gioco?”.

Non è molto diverso dal creare un libro, anzi è quasi la stessa cosa: prima di scrivere il primo romanzo si pensano cose come “ah ma io scrivo per me stesso” oppure “vabbè ma a chi piacerà” o anche “no ma mi vergogno”…e basta!

Scrivete libri!

Create giochi!

Fate cose!

Tanto alla fin fine, ve lo assicuro, sarete voi i più critici verso il vostro lavoro, almeno fino al primo milione di copie!